I Perturbazione: "I live? fiducia nell'estate, intanto facciamo un fumetto"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Con l’arrivo del caldo e dell’estate si spera di tornare ad esibirsi dal vivo ma nel frattempo ci si lancia in una nuova avventura: il fumetto. Con ‘Chi conosci davvero’ la band Perturbazione segna l’esordio nel mondo della graphic novel potendo contare sui disegni di Davide Aurilia e sul supporto della casa editrice Bao Publishing. Ad innescare la miccia per la storia una rimpatriata tra vecchi amici di scuola, “la classica lanciata su facebook” racconta all’Adnkronos, Tommaso Cerasuolo, voce dei Perturbazione, che aggiunge: “l’idea era di raccontare cosa fa il tempo alle persone, attraverso la storia di un gruppo di amici che inizia a suonare sui banchi di un liceo, proprio come abbiamo fatto noi”.

La trama. ‘Chi conosci davvero’ infatti racconta le vicende di un gruppo amici della provincia italiana. Ragazzi che condividono il ritrovo al solito pub, il sogno di fondare una band e grandi speranze. Ma gli entusiasmi giovanili non durano per sempre e così qualcosa si spezza. Luca, chiave di volta del gruppo, abbandona tutto e tutti e scompare nel nulla. Dopo 10 anni torna per sbrigare spiacevoli affari di famiglia, scoprendo che gli altri del gruppo sono rimasti esattamente lì dov’erano, immutati nelle loro vite che cambiano, mentre solo lui si sente diverso.

Le promesse fatte in adolescenza “si trasformano e bisogna accettare l’idea di dover mettere tutto nel proprio zaino: le giornate di sole, le cose belle, le sorprese ma anche le giornate buie e gli scontri”. Le persone, sottolinea Tommaso, “sono sempre più complesse da come ce le immaginiamo” ed è per questo che “un gruppo è sempre qualcosa di conflittuale. E’ una cosa inevitabile e, come dice Luca Carboni, ‘le band si sciolgono’”.

Ogni gruppo, dunque, musicale e non, “ha le sue dinamiche e bisogna cercare di chiamare tutto quanto esperienza evitando il più possibile di chiamarlo rimpianto. Da ragazzo pensi che le promesse e i sogni siano tutto; in realtà poi ci sono forme di consolazione che sono più importanti delle ambizioni”. A dare vita alla storia, i disegni di Davide Aurilia: “La tenerezza del suo segno mi ha colpito subito. E’ stato bello lavorare insieme” spiega Tommaso che annuncia una collaborazione anche per qualche live nella speranza che l’estate riporti un po’ di normalità al mondo della musica.

“Credo che quest’estate qualcosa di nuovo, timidamente, si muoverà. Bisogna tener duro. Noi speriamo di riuscire a fare qualche concerto e ci stiamo organizzando per portare Davide sul palco con noi. Non sarà lo spettacolo del fumetto ma saranno le canzoni dei Perturbazione illustrate da Davide. Speriamo di riuscirci. Sarebbe un regalo bellissimo”.

E ai giovani di oggi che a causa della pandemia hanno dovuto mettere in pausa (ormai da un anno) i propri entusiasmi, Tommaso lancia un messaggio: “Ogni giorno proviamo a fare un po’ di attenzione agli altri. Un gesto non è scontato, non chiudiamoci nei telefoni ma cerchiamo il contatto, anche se minimo e sfigato come quello che abbiamo oggi. Queste piccole forme di cura quotidiana sono fondamentali per tenere duro. Da ogni crisi nascono sempre energie sorprendenti”.

di Loredana Errico