Perugia capitale del doc con PerSo, festival "Differente. Non indifferente"

(Adnkronos) - 'Differente. non indifferente', questo il claim che riassume lo spirito del PerSo 2022, il Perugia Social Film Festival che dall'1 al 9 ottobre farà del capoluogo umbro una capitale del documentario: una città, tre sale cinematografiche, nove giorni di programmazione ad ingresso gratuito, con cinque categorie di concorso, oltre 50 titoli nazionali e internazionali e 10 anteprime italiane, formazione per i cineasti con le masterclass e documentari in realtà virtuale. L'edizione 2022 è stata presentata a Roma, a Casa Argentina, dove il PerSo proporrà una programmazione di 5 film completamente dedicata al cinema documentario argentino di recente produzione, che si apre proprio il 15 settembre con la retrospettiva dedicata al cineasta Martín Solá.

Tanti i titoli arrivati da ogni parte del mondo selezionati nei concorsi dalla direzione artistica nelle cinque competizioni in programma. Come spiegano Luca Ferretti e Giovanni Piperno, direttori artistici del festival: “Negli ultimi anni, nonostante le grandi difficoltà dovute alla carenza e l’incertezza dei finanziamenti, abbiamo continuato a sviluppare l’idea di un Festival 'contenitore', contemporaneo e multidisciplinare, affiancando alla proposta cinematografica eventi e progetti di diversa natura. Vanno in questa direzione le nuove attività previste per il 2022: la residenza artistica nazionale Itineranze DOC, il PerSo VR e il Young Jury Award, l’aumento della durata del Festival a 9 giorni”.

L’VIII edizione del Festival vedrà 5 sezioni di concorso in cui verranno assegnati 8 premi da 6 giurie dedicate e un premio del pubblico. Inoltre, fuori concorso, proiezioni e incontri al carcere di Perugia-Capanne, residenza di sviluppo progetti di nuovi autori Itineranze DOC (in collaborazione con 5 festival nazionali), il Young Jury Award per studenti delle scuole superiori, il PerSo Lab per la formazione del pubblico e dei professionisti del settore e un incontro in collaborazione con Umbria Film Commission. Il PerSo VR sezione dedicata a opere in realtà virtuale, le rassegne di film firmate PerSo alla Casa Argentina di Roma e all’IIC di Pechino, un focus sul Myanmar e una retrospettiva dedicata al cineasta Gianni Serra. Proiezioni in lingua originale con doppia sottotitolazione in italiano e inglese per un'edizione densa di eventi per gli appassionati del cinema documentario e d’autore.

Quest’anno sono in programma a Perugia masterclass con Francesca Calvelli (sabato 2 ottobre), montatrice dei principali film di Marco Bellocchio, di Danis Tanović, Francesca Comencini e Saverio Costanzo e di serie di successo come l’Amica Geniale e In Treatment. Vincitrice di due David di Donatello, quattro Ciak d'oro e cinque Nastri d'argento. Ivelise Perniola, docente universitaria, co-direttrice della rivista Agalma, tra i maggiori studiosi italiani di cinema documentario, autrice di saggi come L’era postdocumentaria e Oltre il neorealismo. Documentari d’autore e realtà italiana del dopoguerra. Titolo della masterclass è Percorsi visuali nella foresta: la rappresentazione della natura selvaggia nel cinema documentario tra ecologia e mito. Armando Andria, Alessia Bradoni, Fabrizio Croce – “Da una prospettiva eccedente. Il cinema di Antonio Capuano”.

Membri della giuria dell'Award saranno Angelo Loy, cineasta autore di documentari narrativi a tema sociale, tra cui Fiumaroli (2000), Pinocchio Nero (2005), Una Scuola Italiana (2010), L’Infedele (2014), Luoghi Comuni (2015), Tropico del Caos (2019). Si dedica da anni al video partecipato, come regista, docente e facilitatore, per i quali ha lavorato in Italia, Kenya, Francia e Marocco. Aline Hervé, montatrice, ha firmato il montaggio di opere di Pietro Marcello, Giovanni Cioni, Paolo Pisanelli, Caterina Borelli e Federica Di Giacomo. Ivelise Perniola, docente universitaria, co-direttrice della rivista Agalma, tra i maggiori studiosi italiani di cinema documentario, autrice di saggi come L’era postdocumentaria e Oltre il neorealismo. Documentari d’autore e realtà italiana del dopoguerra.

PerSo Cinema Italiano ha una giuria composta da studenti universitari dell’Università degli Studi di Perugia e dell’Aba – Accademia di Belle Arti di Perugia. Coordinatore e tutor di giuria il documentarista Giovanni Cioni. Per la giuria di Short Award confermata la redazione di Film TV. PerSo Short Jail ci sarà, come consueto, la giuria dei detenuti e delle detenute del carcere di Perugia-Capanne che assegna il premio al miglior cortometraggio. Durante il Festival saranno realizzate tre proiezioni all’interno del carcere alla presenza dei registi e durante l’anno è stata portata avanti un’attività continuativa di incontri e proiezioni rivolte alla popolazione carceraria.