Pesanti combattimenti nei pressi di Donetsk, Russia continua offensiva in Donbass

Una colonna di fumo si alza nella periferia della città di Donetsk

KIEV (Reuters) - Violenti combattimenti si sono registrati nelle prime ore di oggi intorno alla città ucraina di Pisky, in un segnale che la Russia sta intensificando la sua offensiva per la conquista della regione del Donbass, mentre Kiev accusa Mosca di utilizzare la centrale nucleare di Zaporizhzhia per proteggere la sua artiglieria.

Un funzionario della Repubblica Popolare di Donetsk, ha detto che Pisky, a soli 10 km a nord-ovest del capoluogo Donetsk, è sotto il controllo delle forze russe e separatiste. "La città è nostra, ma rimangono sacche sparse di resistenza a Nord e a Ovest", ha detto Danil Bezsonov su Telegram.

Le autorità ucraine negano che la città, pesantemente fortificata e importantissima per la difesa di Donetsk, sia caduta. Reuters non ha potuto verificare le testimonianze che arrivano da Pisky e dalla zona delle operazioni.

La regione del Donbass, composta dalle province di Lugansk e Donetsk, è diventata l'obiettivo principale di Mosca, dopo che nella fase iniziale della guerra le truppe russe non erano riuscite a prendere Kiev. Lugansk è ora quasi completamente in mano alle truppe russe, mentre Donetsk è ancora controllata dalle forze di Kiev.

L'Ucraina ha accusato ieri i russi di aver fatto partire dei razzi dall'area della centrale nucleare di Zaporizhzhia, causando la morte di almeno 13 persone e il ferimento di altre 10. I funzionari ucraini hanno accusato Mosca di utilizzare la centrale come protezione per i propri attacchi, approfittando del fatto che sarebbe troppo rischioso per l'Ucraina rispondere al fuoco.

"I vili russi non possono fare altro, e quindi bombardano le città rimanendo vergognosamente nascosti nella centrale nucleare di Zaporizhzhia", ha detto ieri sui social media Andriy Yermak, capo di gabinetto del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Secondo Kiev, circa 500 soldati russi, con veicoli d'assalto e armi, si troverebbero all'interno della centrale, dove continuano ad operare dei tecnici ucraini.

L'Ucraina ha accusato Mosca di aver colpito una cittadina - Marhanets - che in passato i russi hanno identificato come un luogo da cui le truppe di Kiev hanno lanciato assalti contro i soldati russi di stanza alla centrale di Zaporizhzhia, sotto controllo russo da marzo.

L'esercito ucraino ha accusato la Russia di aver bombardato diverse altre aree nella regione di Zaporizhzhia. La Russia non ha commentato le accuse ucraine, Reuters non ha potuto verificare in maniera indipendente le accuse di Kiev.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)