Pesca, Wwf: da ora a fine anno solo pesce importato per consumatori europei

·4 minuto per la lettura

C’è un momento dell’anno che segna il limite oltre il quale i consumatori europei terminano ‘virtualmente’ il consumo di pesce pescato nei mari della regione e iniziano a utilizzare quello d’importazione. Proprio a luglio, nel periodo in cui siamo più abituati a mettere in tavola ricette a base di pesce, il Wwf ricorda che "siamo vicini al Fish Dependence Day: il momento in cui l’Europa esaurisce l’equivalente della propria produzione annua interna di pesce, molluschi e crostacei".

Ciò significa che "se nei primi 6 mesi dell’anno avessimo consumato solo risorse dei nostri mari, da luglio alla fine dell’anno queste non sarebbero più disponibili e l’Europa dovrebbe ricorrere alle importazioni per sostenere la crescente richiesta dei consumatori".

La domanda europea di prodotti ittici è infatti troppo alta: se ogni cittadino europeo consuma in media circa 23 chili di pesce l’anno, i consumatori italiani si mostrano ancora più appassionati di questo alimento, con i loro 29 chili di pesce pro capite l’anno. Il WFwf rilancia in questa occasione la campagna #DoEatBetter che nel mese di luglio fornirà consigli a tutti i consumatori che non vogliono rinunciare ai prodotti del mare, per comportarsi consapevolmente e saper scegliere in maniera informata e senza troppe difficoltà i prodotti giusti da mettere in tavola.

Il 'Fish Dependence day' negli ultimi tre decenni è stato anticipato di anno in anno, un segnale dell’impoverimento progressivo delle risorse e connesso alla crisi globale della pesca. Il Wwf lancia l’allarme, sottolineando "il drammatico stato in cui versano gli oceani e in particolare il Mar Mediterraneo, non più in grado di sostenere i livelli di domanda del mercato. Il 75% degli stock ittici monitorati nel Mare nostrum risulta sfruttato al di sopra della loro capacità di rigenerarsi, mentre a livello globale sono circa il 33% gli stock ittici monitorati che risultano sovrasfruttati. Condizioni acuite dagli altri impatti cui è soggetto l’ecosistema marino, in primo luogo il cambiamento climatico".

"Se non riusciremo a invertire questo trend, il rischio sempre più probabile è di andare verso il collasso degli stock ittici, con gravi conseguenze su tutto l’ecosistema marino - afferma Giulia Prato, Responsabile Mare di Wwf Italia - Il mese di luglio diventa quindi un momento clou per invitare l’intero settore ad adottare comportamenti più responsabili. Stiamo mettendo a rischio la sopravvivenza delle risorse naturali marine e con loro tutte le comunità che vivono di pesca come fonte di cibo e di reddito, dai villaggi del Mediterraneo fino agli arcipelaghi indonesiani. Si tratta di circa 800 milioni di persone. Mai come oggi, dopo quasi due anni di pandemia, è stato di così vitale importanza mettere in atto comportamenti sostenibili per la salvaguardia degli ecosistemi marini e delle comunità che da essi dipendono".

Il Wwf è impegnato a promuovere una pesca più sostenibile a 360 gradi: "con i pescatori locali affinché pratichino attività di pesca più sostenibili in termini ecologici e socio-economici e perché si impegnino in pratiche di diversificazione delle loro attività come quella del pescaturismo. Un settore tradizionale per il nostro paese come quello della piccola pesca ha un forte bisogno di coinvolgere le nuove generazioni nello sviluppo di pratiche sempre più responsabili. Le stesse pratiche locali che devono però essere supportate da una legislazione che riconosca e formalizzi la cogestione delle risorse tra pescatori, enti di ricerca, istituzioni e società civile a livello locale. In questo ambito le istituzioni nazionali e sovranazionali sono attori di fondamentale importanza perché si possano porre le giuste basi per attuare regolamentazioni e controlli in contrasto con la pesca illegale, non regolamentata e non riportata (Iuu) e a tutela di chi invece opera in maniera responsabile".

Indispensabile è anche "il coinvolgimento attivo delle aziende che operano nel settore, perché si impegnino nella trasformazione delle proprie filiere, modificando le loro attività verso metodi di approvvigionamento e tracciabilità più sostenibili, dal mare al piatto".

Anche i consumatori hanno un ruolo fondamentale in questo meccanismo generale. Il Wwf propone una guida online al consumo sostenibile di prodotti ittici, che spiega quali sono i piccoli gesti responsabili che possiamo adottare negli acquisti di tutti i giorni, per dare il nostro importante contributo alla salvaguardia degli oceani e del Mediterraneo.

Qualche esempio? Privilegiare specie poco comuni e preferibilmente locali, al posto del consumo delle specie più diffuse; utilizzare le etichette come fonte di informazioni utili nella scelta del pesce più sostenibile, evitare di acquistare esemplari troppo giovani, imparando a rispettare le taglie minime legali di ogni specie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli