Pesca, Wwf: progressi nel Mediterraneo per salvaguardia coralli

Red/Coa

Roma, 10 nov. (askanews) - La 43esima Commissione Generale per la Pesca nel Mediterraneo (CGPM) si è chiusa venerdì ad Atene e dal WWF arriva un plauso all'approvazione di 8 raccomandazioni che rappresentano un passo in avanti rispetto all'emergenza dello sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche della regione. Tutte le raccomandazioni sono state proposte dalla Commissione Europea, un segnale rispetto alla mancanza di ambizione e iniziativa da parte delle altre parti contraenti della CGPM.

In particolare, si legge in una nota, il WWF accoglie con favore il nuovo piano di gestione pluriennale per lo sfruttamento sostenibile delle popolazioni di corallo rosso, oggi in pericolo nel Mediterraneo. Il corallo rosso è già tra le specie "in via di estinzione" nella Lista Rossa IUCN ed è incluso nell'allegato III del Protocollo relativo alle Aree Specialmente Protette e alla Diversità Biologica nel Mediterraneo (Protocollo SPA/BIO) della Convenzione di Barcellona. Tra le altre misure, questa raccomandazione stabilisce un Sistema di Certificazione delle Catture (CDS) allo scopo di identificare l'origine del corallo rosso raccolto al fine di contrastare il commercio illegale e le catture non dichiarate. Questa decisione rappresenta, tra l'altro, una novità per la Commissione CGPM stessa.(Segue)