Pesca, Wwf: progressi nel Mediterraneo per salvaguardia coralli -2-

Red/Coa

Roma, 10 nov. (askanews) - Nonostante i tempi indicati per il raggiungimento del cosiddetto "rendimento massimo sostenibile" (MSY) siano diluiti fino al 2026, il WWF sostiene fortemente anche il nuovo piano di gestione pluriennale per l'Adriatico: è questa un'area, infatti, che da decenni vede gli stock delle principali specie commerciali in uno stato di sfruttamento eccessivo. Questo piano punta al raggiungimento entro il 2016 di una pesca sostenibile per specie commercialmente importanti come scampo, nasello, sogliola, gambero rosa e triglia di fango. Il WWF ritiene che le nuove misure manterranno la mortalità da pesca di queste specie al di sotto dei limiti biologici di sicurezza per garantire rese elevate a lungo termine, limitando al contempo il rischio di collasso degli stock.(Segue)