Pescara, screening gratuito epatite C a pazienti diabetici

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 mar. (askanews) - Il problema dell'infezione cronica Epatite C (HCV) rappresenta, al momento, una delle importanti sfide sanitarie nella Provincia di Pescara, dal momento che la sua prevalenza sul territorio regionale è significativamente maggiore di quanto osservato in molte altre provincie italiane. Si stima che nella Provincia di Pescara ci siano circa 40.000 pazienti diabetici, tra quelli noti e già arruolati nei centri di riferimento e quelli non noti, ed ogni paziente diabetico di tipo 2 ha una probabilità maggiore di quella della popolazione generale, probabilmente 3-4 volte più alta, di risultare positivo per Epatite C. Per questo è nato il progetto di Screening gratuito per l'Epatite C rivolto ai pazienti diabetici nella Provincia di Pescara, con la direzione scientifica del Dott. Giustino Parruti Direttore dell'Unità Operativa Complessa (UOC) di Malattie Infettive della ASL Pescara e con la collaborazione del Prof. Agostino Consoli, Direttore dell'UOC di Endocrinologia e Malattie Metaboliche, nonché Presidente della Società Italiana di Diabetologia. Il progetto si avvale della sponsorizzazione non condizionante di Gilead, del patrocinio di SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali) e della collaborazione con la Fondazione Camillo De Lellis onlus.

Il progetto si rivolge a tutti i pazienti sotto monitoraggio presso le strutture. A tutti i pazienti con diabete di tipo 2 in follow-up, senza storia di epatite C, sarà offerta gratuitamente la possibilità di effettuare il test rapido per l'Epatite C. I pazienti diabetici con diagnosi sierologica di HCV verranno convocati proattivamente al trattamento presso le UOC di Malattie Infettive e Epatologia.

Presso i Centri Diabetici di Scafa, Popoli e Pescara tutti i pazienti sotto monitoraggio possono effettuare un rapido test gratuito per l'epatite C. Alla data del 28 febbraio erano stati già sottoposti a screening per HCV n. 393 pazienti diabetici, nonostante le severe restrizioni da cui la visita in presenza è attualmente limitata. Il progetto ha sin qui raccolto un'ampia adesione da parte degli utenti, che nella stragrande maggioranza aderiscono prontamente alla proposta durante la loro prima visita dall'avvio del progetto.