A Pescara slittano le scadenze per pagamento di Tari e Cosap

Xab

Pescara, 17 mar. (askanews) - Il sindaco di Pescara Carlo Masci, di concerto con l'assessore alle Finanze Eugenio Seccia, il presidente del consiglio comunale Marcello Antonelli, il presidente della Commissione Bilancio Salvatore Di Pino e i capigruppo di maggioranza ha disposto il differimento dei pagamenti di Tari (Tassa sui rifiuti) e Cosap (Canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche) per fornire un sostegno ai contribuenti. L'ordinanza firmata dal primo cittadino, collegata alla grave emergenza Coronavirus, determina infatti lo slittamento della scadenza della prima rata della Tari per l'anno 2020 al 31 maggio prossimo; stessa scadenza per quanto riguarda la rata della Cosap. "E'un atto dovuto - ha detto il sindaco Carlo Masci - tenuto conto dello stop del sistema economico cittadino determinato dall'emergenza Coronavirus che di fatto determina il blocco della capacità finanziaria di molte attività, compreso quelle dei professionisti e dei lavoratori dipendenti. Credo che questo possa rappresentare un aiuto significativo - per quanto certamente non sufficiente da solo - per i cittadini e per tutti gli operatori economici alle prese con la paralisi forzata delle loro aziende. Invito tutti a credere e a rispettare le misure che abbiamo adottato per arginare la diffusione del contagio, tutti devono darci una mano nell'interesse della nostra comunità. Solo così questa epidemia sarà presto un brutto ricordo. Una cosa è certa: tutti i cittadini, siano professionisti, imprese o lavoratori dipendenti, non saranno lasciati soli dall'amministrazione comunale".