Peste suina Roma, "stop consumo carne? Nessun allarme"

(Adnkronos) - I primi due casi di maiali contagiati dalla peste suina in un allevamento della zona rossa di Roma accelerano l'emergenza cinghiali nel Lazio ma intaccano anche la filiera suinicola. Ma c'è un allarme per i consumatori di carne di maiale e dei prodotti collegati? "Al momento no - risponde all'Adnkronos Salute Aldo Grasselli, presidente onorario della Società italiana di Medicina veterinaria preventiva (SimeVep) - ma sicuramente è un danno economico per gli allevatori del settore". E' possibile che, se i casi aumenteranno, si arrivi ad un caro prezzi per braciole e salsicce? "E' probabile una ripercussione sulla filiera e quindi anche sui prezzi al dettaglio".

Sono stati intanto "abbattuti dal servizio veterinario della Asl tutti i capi relativi al piccolo allevamento familiare" di maiali "all'interno della zona perimetrata". "Erano stati rilevati due casi di positività nella giornata di ieri", comunica infatti l'assessorato alla Salute della Regione Lazio, sui suoi canali social, assicurando che: "Continua l'attività di monitoraggio da parte delle Asl".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli