Pesticidi, Greenpeace: «bene lo stop Ue all'insetticida Thiacloprid» -2-

vgp

Roma, 22 ott. (askanews) - Il thiacloprid ha un meccanismo d'azione simile a quello dei tre neonicotinoidi già banditi nell'Ue nell'aprile 2018, da qui i sospetti per i danni ad api e impollinatori. Si tratta inoltre di una delle molecole più frequentemente rilevata anche nel polline raccolto dalle api, come dimostrato in un precedente rapporto di Greenpeace, dell'aprile 2014. La Commissione Ue ha anticipato con un tweet che l'atto formale con cui verrà sancito il mancato rinnovo della licenza per il thiacloprid sarà adottato ufficialmente entro l'autunno.

Per evitare però che i tre insetticidi vietati nel 2018 - a cui si aggiungerà il thiacloprid - vengano sostituiti da altre sostanze chimiche altrettanto dannose, per Greenpeace è indispensabile applicare i migliori standard di valutazione disponibili a tutti i pesticidi attualmente in commercio, e questi al momento sono forniti dalle linee guida dell'EFSA del 2013.

(Segue)