Petrolio: Opec+ annuncia taglio da 100 mila barili e prezzi si impennano

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 set. – (Adnkronos) – Dopo i ripetuti rialzi degli ultimi mesi, i membri dell'Opec+ 'gelano' i mercati annunciano un taglio di 100 mila barili – a partire da ottobre – della produzione giornaliera, e i prezzi del greggio inevitabilmente corrono al rialzo. Il gruppo dei produttori di petrolio dell'organizzazione hanno abbassato gli obiettivi di produzione, motivando la scelta con "l'impatto negativo della volatilità e del calo della liquidità sull'attuale mercato petrolifero e la necessità di sostenere la stabilità del mercato e il suo funzionamento efficiente". Subito dopo l'annuncio il prezzo del barile per il petrolio Brent è salito del 3,8% a 96,54 dollari (+3,52 sulla chiusura di venerdì) mentre il West Texas Intermediate (WTI) è aumentato di 3,04 dollari a quota 89,91(+3,04%).

Il rialzo segue i significativi cali dei prezzi della scorsa settimana, in parte dovuti alle previsioni di una debole crescita economica che hanno portato a una minore domanda di petrolio. All'inizio di agosto il cartello aveva deciso di aumentare la produzione giornaliera di 100.000 barili a quasi 44 milioni, un valore che copre circa il 44% della produzione mondiale.