Petrolio: prezzi in rialzo oltre il 5%, pesa chiusura temporanea canale di Suez

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 mar. (Adnkronos) – I prezzi del petrolio in forte crescita: il brent guadagna il 5,86% a 63,92 dollari mentre il Wti viaggia sopra i 60 dollari a 60,72 dollari (+5,84%). A contribuire all'impennata dei prezzi dell'oro nero è stata la chiusura temporanea del canale di Suez a causa di una nave cargo da 200 mila tonnellate che si è arenata dopo essere uscita dalla rotta per forti raffiche di vento.

I prezzi del petrolio, rileva Nitesh Shah, director research di WisdomTree, "hanno avuto una corsa selvaggia questa settimana. Il 23 marzo i prezzi del Brent sono scesi del 6,5% ma oggi sono vicini a recuperare queste perdite. Inizialmente, sotto la pressione di un indebolimento delle prospettive economiche in Europa, i mercati hanno rivisto al ribasso le proiezioni della domanda. Ma con le notizie di interruzioni di fornitura di petrolio provenienti dal Golfo Persico, i prezzi del petrolio sono aumentati oggi".

Il Canale di Suez e l'oleodotto Sumed, osserva l'analista, "sono rotte strategiche per le spedizioni di greggio del Golfo Persico, prodotti petroliferi e gas naturale liquefatto (Lng) verso l'Europa e il Nord America. Circa 1 milione di barili di greggio passano ogni giorno attraverso questa strozzatura. Può non essere strategicamente importante come lo Stretto di Hormuz o lo Stretto di Malacca ma il suo blocco è ancora in grado di causare ripercussioni significative sul flusso di petrolio e altri prodotti energetici in tutto il mondo".