Petrolio russo, Cina e India hanno rafforzato le importazioni

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 giu. (askanews) - La Cina e l'India hanno aumentato i loro acquisti di petrolio dalla Russia proprio mentre l'Europa imponeva l'embargo su questa risorsa. Lo rivelano i dati diffusi da Refinitiv.

La Cina ha importato lo scorso mese 800mila barili di petrolio russo al giorno, un dato che non include il greggio fornito via oleodotti. Rispetto a gennaio il volume è cresciuto più del 40 per cento.

L'India, dal canto suo, ha importato via mare 700mila barili al giorno a maggio, rispetto a zero di gennaio.

Cina e India hanno aumentato le importazioni perché "le sanzioni occidentali hanno ridotto il numero di acquirenti, avendo come conseguenza il fatto che il greggio russo può essere acquistato a poco", ha spiegato a Nikkei Asia Takayuki Nogami, capo economista presso la Japan Oil, Gas and Metals National Corp.

Dopo la decisione dell'Ue e degli Usa di bandire il petrolio russo, il greggio degli Urali - per lo più diretto al mercato europeo, è sceso a 90 dollari il barile, 35 dollari in meno rispetto al benchmark internazionale per il Brent.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli