Peugeot tratta la fusione con Opel: nascerebbe il super colosso franco-tedesco

Fabrizio Arnhold
(Photo Illustration by Thomas Lohnes/Getty Images)

Mary Barra, l’ad di General Motors è arrivata questa mattina al quartier generale Opel di Ruesselsheim, in Germania, per incontrare i vertici del marchio tedesco e fornire rassicurazioni sulla possibile acquisizione da parte dei francesi di Psa. General Motors vuole vendere a Peugeot il marchio Opel. Motivo? Da anni i conti sono in rosso e le vendite annuali potrebbero andare meglio. L’anno scorso le cifre dicono che gli utili di Opel sono a quota -287 milioni di euro, quelli del marchio francese, invece, fanno registrare un segno più da 176 milioni.

Il governo tedesco, però, si mette di traverso. Il ministro dell’Economia, Brigitte Zypries, si è subito allarmata. Reazioni di disappunto sono arrivate anche da parte del consiglio di fabbrica e dai sindacati. La Borsa ha reagito bene, con rialzi attorno al 5 per cento. D’altronde le due imprese automobilistiche occupano mercati uguali  e producono modelli simili, la fusione garantirebbe il 16,3 per cento del mercato europeo. Il governo federale, però, pretende che gli americani di GM e i francesi di Psa chiedano prima il permesso ai sindacati e alle amministrazioni locali, che ospitano i dieci stabilimenti Opel in Germania.

(Photo by Illustration by Thomas Lohnes/Getty Images)

Alcuni rappresentanti del consiglio di fabbrica hanno fatto sapere di ritenere l’eventuale intesa “una lesione senza precedenti dei diritti di cogestione tedeschi ed europei”. Sembra irritato anche il sindacato dei metalmeccanici tedeschi che si lamenta per essere stato tenuto all’oscuro della trattativa. General Motors aveva già tentato nel 2009 di liberarsi del marchio Opel. Allora si fecero avanti sia Sergio Marchionne che gli austro-canadesi di Magna, insieme alla russa Sberbank. In quel caso il governo tedesco era d’accordo, ma alla fine GM decise di non portare a compimento l’operazione e si tenne Opel. Questa volta potrebbe andare diversamente.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità