Pfas, 4 Società Acque si costituiscono parte civile nel processo

Bnz

Venezia, 20 gen. (askanews) - "Acquevenete, Viacqua, Acque Veronesi e Acque del Chiampo sono ufficialmente costituite parte civile nel processo contro i tredici imputati a giudizio per il presunto disastro ambientale provocato dalla Ex Miteni di Trissino".

Lo riferiscono in una nota le 4 società dell'acqua.

"Il giudice dell'udienza preliminare dottor Roberto Venditti - si legge - ha ammesso la costituzione di parte civile delle quattro società del servizio idrico integrato che gestiscono l'acqua nei comuni colpiti da contaminazione Pfas. Gli avvocati Marco Tonellotto, Angelo Merlin e Vittore d'Acquarone, che tutelano legalmente le quattro società idriche, hanno seguito la vicenda sin dall'inizio".

"La decisione del giudice rende giustizia perché i gestori sono soggetti danneggiati dal reato e perché sono intervenuti subito con gli investimenti destinati all'emergenza al fine di tutelare la salute pubblica - afferma l'avvocato Tonellotto anche a nome degli altri colleghi e delle società - se da un lato non vi è stata nessuna azione ripristinatoria da parte dei responsabili, il sistema istituzionale ha invece posto in essere tutte le attività per l'incolumità pubblica che erano assolutamente necessarie".

"Le società idriche - prosegue la nota - hanno investito circa cento milioni di euro per garantire la salute pubblica e l'ambiente, e il conto è assai lontano dal chiudersi. La data del 23 marzo prossimo in tribunale a Vicenza sarà dedicata alla prosecuzione dell'udienza preliminare e si discuterà sull'eventuale costituzione quali responsabili civili delle società Mitsubishi, International Chemical Investors e del fallimento Miteni", conclude il comunicato.