Pfizer, BioNTech e Moderna guadagnano mille dollari al secondo grazie alla vendita dei vaccini

·2 minuto per la lettura
pfizer moderna vaccino vendita
pfizer moderna vaccino vendita

Molte case farmaceutiche produttrici del siero anti-Covid stanno accumulando utili da urlo grazie alla sua vendita, anche se in molti Paesi poveri le dosi scarseggiano.

Vendita del vaccino: cifre da urlo per Pfizer, BioNTech e Moderna

I colossi di Pfizer, BioNTech e Moderna hanno potuto sviluppare i vaccini a mRna anche grazie agli ingenti finanziamenti pubblici, che fiorano gli 8 miliardi di dollari. Ciò nonostante si sono finora sempre rifiutate di trasferire tecnologie e know-how ad altri possibili produttori situati nei paesi a basso e medio reddito, togliendo l’opportunità di aumentare il potenziale di approvvigionamento, abbassare i prezzi delle singole dosi e salvare milioni di vite in più.

Albert Bourla – amministratore delegato di Pfizer – ha sempre definito l’invito a condividere le conoscenze sui vaccini come «assurdità pericolose». Assurdità che hanno permesso alle 3 aziende farmaceutiche di sfiorare profitti netti per 34 miliardi di dollari nel 2021, corrispondenti a più di mille dollari al secondo.

Vendita del vaccino: la critica al monopolio

Tra i principali detrattori di questo monopolio c’è People’s Vaccine Alliance (PVA), una Ong che si batte per l’equa distribuzione dei vaccini. Sara Albiani è policy advisor sulla salute globale di Oxfam Italia, mentre Rossella Miccio è presidente di Emergency: entrambe le associazioni fanno parte di PVA, e le rispettive leader si sono espresse in merito alla questione:

«Pfizer, BioNTech e Moderna continuano a sfruttare la loro posizione di monopolio, dando priorità ai contratti ovviamente più redditizi stipulati con i Paesi ricchi, incuranti del fatto che ad essere tagliate fuori sono più di 500 milioni di persone che vivono nei Paesi più poveri».

Vendita del vaccino: il ritardo dei vaccini nei Paesi poveri

Anna Marriott, Health Policy Manager del nucleo centrale di Oxfam, ha sottolineato come nei Paesi più poveri solo il 2% della popolazione ha ricevuto due dosi di vaccino dalle principali aziende farmaceutiche, ma nonostante ciò continuano ad arricchirsi senza condividere la propria conoscenza medica e le risorse di sviluppo:

«Contrariamente a quanto afferma il CEO di Pfizer, la vera assurdità è affermare che esperienze e competenze per sviluppare e produrre farmaci e vaccini salvavita non esistano nei paesi in via di sviluppo. Questa è solo una falsa scusa dietro la quale le aziende farmaceutiche si nascondono per proteggere i loro profitti astronomici».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli