Pfizer e AstraZeneca, nuovo studio su efficacia contro variante indiana

·1 minuto per la lettura

I vaccini Pfizer e AstraZeneca si sono rivelati altamente efficaci contro la variante indiana del Covid dopo due dosi di prodotto. A rivelarlo è uno studio delle autorità sanitarie inglesi, riporta la Bbc, precisando che con la seconda dose i due vaccini hanno assicurato un livello di protezione contro i sintomi della malattia della variante indiana pari a quello registrato per la variante inglese.

I due vaccini si sono però rivelati efficaci solo al 33% contro il ceppo indiano a tre settimane dalla prima inoculazione, contro il 50% di efficacia contro quello inglese.

Il vaccino Pfizer si è rivelato efficace all'88% nel fermare la malattia sintomatica della variante indiana due settimane dopo la seconda dose, contro il 93% garantito rispetto alla variante emersa nel Kent. Astrazeneca ha rivelato un'efficacia del 60% contro la variante indiana, del 66% contro quella britannica, percentuali dunque inferiori ma che possono derivare dal fatto - secondo gli autori dello studio - che le inoculazioni della seconda dose di Astrazeneca sono iniziate più tardi rispetto a quelle di Pfizer, che aveva ricevuto l'approvazione prima.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli