Pfizer e Moderna, meno anticorpi contro variante sudafricana

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 feb. (askanews) - Test in vitro hanno mostrato come il vaccino anti-Covid 19 di Pfizer/Biontech, a contatto con la cosiddetta variante sudafricana del Covid generi una quantità di anticorpi inferiore di due terzi rispetto a quella generata contro il ceppo "originario" del virus.

Secondo quanto riportato dall'agenzia Reuters, Pfizer e Biontech hanno dichiarato che risultati dei test in vitro non indicano con certezza una riduzione dell'efficacia del vaccino, dato che un numero inferiore di anticorpi prodotti non è necessariamente sinonimo di una risposta proporzionalmente meno efficace dei vaccini. Inoltre non vi sono ancora evidenze in studi clinici, condotti cioè non in vitro ma su pazienti in carne ed ossa.

I risultati dello studio, condotto da Pfizer/Biontech in collaborazione con la University of Texas Medical Branch (Utmb), sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine (Nejm).

Studi simili condotti da Moderna hanno confermato una riduzione, in questo caso di sei volte, nel numero di anticorpi prodotti contro la variante sudafricana.

Gli scienziati della Utmb hanno spiegato che non esiste ancora un benchmark chiaro rispetto al numero degli anticorpi necessari al corpo umano per respingere con successo il coronavirus e le sue varianti: per questo è possibile - e secondo alcuni di loro probabile - che i vaccini forniscano comunque una protezione relativamente efficace anche contro le varianti.

Malgrado tutto, le imprese coinvolte nella produzione dei vaccini stanno investendo nella ricerca su versioni aggiornate dei vaccini per rispondere in modo più accurato anche alla variante sudafricana e a quella brasiliana.