Phuket riapre agli stranieri ma con rigide misure anti-Covid

·1 minuto per la lettura
featured 1410421
featured 1410421

Roma, 1 lug. (askanews) – Phuket, isola della Thailandia paradiso dei turisti, riapre le porte agli stranieri, più di un anno dopo le chiusure legate alla pandemia di Covid-19 che hanno devastato l’economia del Paese in buona parte dipendente proprio dal turismo. Circa 400 gli arrivi previsti nel primo giorno di riapertura con un protocollo che i funzionari locali sperano possa aiutare a rilanciare il settore. Ecco il primo aereo di turisti atterrato.

Il programma, “Phuket Sandbox”, mira a ridurre al minimo il rischio di trasmissione del virus e prevede anche la richiesta di permanenza minima sull’isola di 14 giorni, in caso di spostamenti in altre aree del Paese. Ma solo i turisti completamente vaccinati provenienti da paesi ritenuti a basso e medio rischio potranno arrivare sull’isola e saranno comunque obbligati a fornire prova di un test Covid negativo o dell’avvenuta vaccinazione.

“Perché vengo in Thailandia? Perché ho una casa in Thailandia, a Hua Hin, dove ho intenzione di rimanere almeno part-time per la mia pensione e l’unico modo per tornare a Hua Hin era passare per Phuket, che conoscevo un po’ e quindi mi piacerà passare 15 giorni qui” spiega Bruno Souillard, turista francese.

I viaggiatori dovranno anche a rispettare misure di sicurezza all’arrivo, usare le mascherine in ogni momento, anche all’aperto. Dovranno soggiornare in hotel speciali e certificati in cui il 70% del personale è stato vaccinato e scaricare un’app di monitoraggio sul telefono.

E’ fastidioso passare le vacanze rinchiusi in un hotel per 15 giorni ma qui non siamo rinchiusi quindi è fantastico”.

“Vengo per rilassarmi dopo 2 anni senza viaggiare e mi piace Phuket, ecco perché ho scelto di venire qui” dice un altro turista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli