Più 35% di casi nei ragazzi tra i 14 e i 18 anni

·2 minuto per la lettura
Napoli
Napoli

I nuovi casi di Covid a Napoli, nelle prime tre settimane di febbraio, sono stati 4.158, con un aumento del 6% dei contagi rispetto a gennaio. I più colpiti sono i giovani tra i 14 e i 18 anni, che dall’8 al 21 febbraio ha registrato un aumento dei postitivi del 35% rispetto alle due settimane precedenti.

Aumento contagi a Napoli

Questi sono i dati dello studio condotto dalla task force del Comune di Napoli, coordinata dal professor Giuseppe Signoriello, da Simona Signoriello e Vittorio Simeon, con la collaborazione di Francesca Menna, assessore alle pari opportunità, libertà civili e alla salute al Comune di Napoli. “L’andamento del contagio nella classe dai 6 ai 18 anni coinvolta in questo periodo dall’apertura delle scuole in presenza, continua a crescere. In particolare, nella classe di età 14-18 anni, dove si è registrato il più alto numero di contagi, sono fortemente auspicabili interventi per contenere questo aumento” ha spiegato lo studio. Tra Agosto 2020 e Febbraio 2021 il numero di casi di Covid a Napoli è stato di 45.229 casi. Dopo una fase di crescita fino all’inizio di Novembre 2020, c’è stata una diminuzione dell’incidenza, con un periodo di stabilità a Gennaio 2021 e una nuova fase di crescita nel mese di Febbraio.

L’incidenza di Covid a Napoli, come ha spiegato lo studio, è maggiore rispetto alla Regione Campania per un 10% in più a Febbraio 2021. Anche il tasso di mortalità risulta aumentato, più precisamente del 65% rispetto alla Regione Campania, mentre il numero di ricoveri ospedalieri e di terapie intensive è stabile. Nella seconda ondata la classe di età più colpita dall’aumento dei contagi era stata quella tra i 19 e i 30 anni, mentre quella maggiormente interessata in questo momento è quella tra i 6 e i 18 anni. Nelle ultime due settimane la classe più colpita è stata quella tra i 14 e i 18 anni. Rispetto alle settimane precedenti, per questa fascia d’età, si è registrato un incremento dei contagi del 35%. Sempre nel mese di febbraio anche la classe di età tra i 6 e i 13 anni ha avuto un aumento del contagio, ma in misura minore.