Più Europa: abolire reddito di cittadinanza per ridurre cuneo

Pol/Vlm

Roma, 4 ott. (askanews) - "Il reddito di cittadinanza nel 2019 è costato 6,1 miliardi: in 6 mesi però nessuno degli oltre 700mila beneficiari considerati occupabili ha firmato un contratto di lavoro, anche perché i centri per l'impiego non sono pronti a svolgere il ruolo che in pompa magna era stato loro assegnato. Nel 2020 il costo del RdC sara ancora più salato, sottraendo risorse che potrebbero essere meglio usate ripristinando il reddito di inclusione per i meno abbienti e riducendo significativamente il cuneo fiscale sul lavoro". Lo dichiara Piercamillo Falasca, vicesegretario di Più Europa.

"Di Maio e il M5s hanno finora preso in giro l'Italia con la favola del reddito di cittadinanza: perché il Pd e Italia Viva continuano a permetterglielo? Mancano soldi per la manovra più orientata allo sviluppo, come dice Renzi? Bene, allora abolite il reddito di cittadinanza e Quota 100, l'altro regalo del populismo gialloverde al Paese!", conclude l'esponente di Più Europa.