Più Europa: Della Vedova, '2022 sarà anno dei referendum'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 dic. (Adnkronos) – Il 2021 è stato “un anno di campagne per i referendum, sulle libertà e responsabilità civili, eutanasia e cannabis; e sulla giustizia. Abbiamo permesso, grazie al lavoro parlamentare di Riccardo Magi, la raccolta di firme online, abbiamo sottoscritto con Emma Bonino tutti i quesiti, impegnandoci in particolare nella raccolta di firme sui primi due. Ci impegneremo a fondo perché il prossimo sia l'anno dei referendum: perché si tengano, perché vengano conosciuti e perché vincano i sì”. Lo scrive il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova, in una lettera inviata agli iscritti.

Nella lettera, Della Vedova ricorda come, in occasione del Congresso, Più Europa “abbia dato prova della sua tenuta e del suo ancoraggio al metodo democratico” e come il partito “si sia impegnato con serietà e pragmatismo per l’aggregazione delle forze e delle personalità europeiste, liberal-democratiche, riformiste e ambientaliste”, accogliendo con favore il segnale di unità di Carlo Calenda che ha rilanciato la nostra idea della federazione tra Più Europa e Azione, "su cui siamo al lavoro. Più Europa -conclude Della Vedova- continuerà a impegnare tutte le sue energie per costruire un Paese più produttivo ed equo, più libero e democratico, più europeo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli