Più tasse su giochi, sigarette e assicurazioni

Giuseppe Colombo

Un forte ridimensionamento degli impegni, la conferma di una promessa non mantenuta e le due misure principali - cioè reddito di cittadinanza e quota 100 - in forma strutturale, non sperimentale, che si sostengono a vicenda attraverso un meccanismo di compensazione. È a queste tre sfaccettature che guardano le principali novità sulla manovra contenute nella bozza di 73 articoli a cui stanno lavorando i tecnici del governo in vista della trasmissione del testo definitivo alle Camere.

Impegno ridotto sulle clausole di salvaguardia, cioè quelle norme che prevedono l'aumento automatico dell'Iva e delle accise in caso di sforamento degli obiettivi sul deficit e sul debito pubblico. Con la Nota di aggiornamento al Def, il governo si era impegnato a sterilizzare gli aumenti dell'imposta nel 2019 e a disinnescare, seppure "parzialmente", le clausole nel 2020 e nel 2021. "Gli aumenti delle imposte indirette previste dalle clausole di salvaguardia - si legge nel testo approvato dal governo e poi dal Parlamento - verranno completamente sterilizzati nel 2019 e parzialmente nel 2020 e 2021". Non solo. Nella stessa Nota si faceva riferimento a un "piano di intervento", da presentare nella legge di bilancio, per "sostituire le residue clausole di salvaguardia con interventi di riduzione della spesa e di potenziamento dell'attività di riscossione delle imposte". Ora, come si evince dalla bozza della manovra, le clausole scompaiono per il prossimo anno - e quindi non ci sarà l'aumento dell'Iva - ma restano per il biennio successivo: la sterilizzazione è parziale e comunque contenuta. Per il governo è una miniera d'oro in relazione all'impegno di riduzione del deficit che dovrà calare dal 2,4% del 2019 al 2,1% nel 2020 e poi all'1,8% nel 2021. Le clausole, infatti, valgono come maggiori entrate all'anno: molto più facile, in questo modo, fare scendere la curva del deficit.

La conferma della promessa non mantenuta è lo stop all'aumento delle tasse. Già il Documento...

Continua a leggere su HuffPost