Piacenza, avv. Salvagnini: Bezzeccheri a disposizione dei giudici

Pat
·1 minuto per la lettura

Bologna, 28 lug. (askanews) - Stefano Bezzeccheri, ex comandante della Compagnia dei carabinieri Levante, sottoposto all'obbligo di dimora con l'accusa di abuso d'ufficio nell'ambito dell'inchiesta Odysseus "si è messo a disposizione dell'autorità giudiziaria per fare chiarezza sui fatti gravissimi accaduti". Lo hanno riferito i suoi legati Wally Salvagnini e Cosimo Pricolo, al termine dell'interrogatorio durato oltre quattro ore presso il tribunale di Piacenza. "Il maggiore Bezzeccheri ha risposto a tutte le domande poste dal giudice e dal pubblico ministero presente - hanno spiegato i legali -. Si è messo a disposizione dell'autorità giudiziaria per fare chiarezza sui fatti gravissimi accaduti". L'ex comandante della caserma Levante, al centro delle indagini che ha portato all'arresto il 22 luglio di sei militari e al sequestro della caserma stessa, "non ha chiesto la revoca della misura a lui applicata perché confida nella giustizia, auspicando che nel prosieguo delle indagini emerga la verità rispetto a quanto gli viene contestato". "Ha infine sottolineato il suo forte attaccamento all'Arma dei carabinieri cui appartengono tanti fedeli servitori dello Stato, alcuni dei quali hanno sacrificato la vita per difendere i suoi valori" hanno concluso i legali.