Piacenza, condannati i carabinieri della caserma Levante. Per Montella 12 anni

Giuseppe Montella (D), uno dei carabinieri arrestati nell'ambito dell'inchiesta che ha completamente azzerato una caserma dei carabinieri a Piacenza , in un'immagine presa dal suo profilo Instagram, 24 luglio 2020. INSTAGRAM GIUSEPPE MONTELLA +++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA LAUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA +++ ++ HO - NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++ 
NSTAGRAM/ (Photo: ANSA)
Giuseppe Montella (D), uno dei carabinieri arrestati nell'ambito dell'inchiesta che ha completamente azzerato una caserma dei carabinieri a Piacenza , in un'immagine presa dal suo profilo Instagram, 24 luglio 2020. INSTAGRAM GIUSEPPE MONTELLA +++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA LAUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA +++ ++ HO - NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++ NSTAGRAM/ (Photo: ANSA)

Dodici anni di reclusione per Giuseppe Montella, l’appuntato dei carabinieri considerato il leader del gruppo della caserma Levante di Piacenza che l’anno scorso, in pieno lockdown, venne chiusa dopo che emersero spaccio di droga e tortura. È la sentenza pronunciata in abbreviato dal tribunale, dopo che la pm aveva chiesto una condanna a 16 anni.

Condannati anche gli altri componenti del gruppo: 8 anni all’appuntato Salvatore Cappellano, sei all’appuntato Giacomo Falanga, tre anni e quattro mesi al carabiniere Daniele Spagnolo e quattro all’ex comandante di stazione Marco Orlando.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli