Piacenza: giudice, 'carabiniere Montella ha fatto scelta criminale netta e irreversibile' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Il giudice "pur nella gravità comune degli addebiti" fa una distinzione tra Montella e gli altri quattro colleghi imputati. Se Salvatore Cappellano (8 anni di pena) condivide il modo di agire di Montella, così come l'appuntato Giacomo Falanga (6 anni) ammette alcune delle prassi deviate come gli arresti pilotati – per far crescere i numeri a ambire a promozioni – Daniele Spagnolo (3 anni e 4 mesi) è un militare entrato nell'Arma da poco che ha "mitizzato l'operatività dei colleghi essendo ammaliato dalla figura carismatica del Montella, del rapporto tra i tre e dei loro risultati". Conosce il loro modo di operare, ma per i suoi "modi gentili" viene percepito come un "corpo estraneo".

Per il gup non merita invece le attenuanti generiche l'allora comandante della caserma Marco Orlando (pena di 4 anni) che, "ad avviso di chi scrive, aveva una responsabilità giuridica ma anche professionale e morale di esercitare un effettivo controllo sull'operato dei suoi uomini", anche se carabinieri di esperienza. A pesare anche il silenzio: l'unica volta che è stato sentito, nel corso del processo, "ha ostinatamente negato anche fatti accertati in modo pacifico", chiosa il gup.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli