Piacenza: giudice, 'caserma Levante ferita aperta, orgogliosa di processo rapido'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 19 nov. (Adnkronos) – "Lo sforzo istituzionale è stato quello di dare una risposta di legalità che fosse pronta, a fronte di una ferita aperta e, senza peccare di presunzione, chi scrive è orgogliosa di avere portato a termine in pochi mesi un processo per una vicenda così complessa e difficile che avrà il suo naturale corso in altri gradi di giudizio". E' uno dei passaggi delle motivazioni con cui il gup di Piacenza Fiammetta Modica ha condannato lo scorso 1 luglio cinque carabinieri infedeli della caserma Levante.

Un processo svolto in piena pandemia dove "Piacenza ha pagato (in termini di vittime, ndr) un tributo altissimo che resterà indelebile nella memoria collettiva". Un processo celebrato, proprio per rispettare il distanziamento, "nei locali dell'Ente Fiera di Piacenza grazie al Ministero della giustizia che ha stanziato le risorse per consentire la celebrazione fuori dalle aule del Tribunale. Un gesto di sensibilità e rispetto della salute e della dignità umana, non scontato", sottolinea il giudice. Le "numerose e gravose" udienze si sono celebrate "tutte con assoluta armonia e collaborazione delle parti processuali pubblica e private, nel pieno rispetto dei ruoli e delle prerogative".

L'Avvocatura "ha dato una prova di rigore e correttezza processuale senza che alcuno pensasse di ricorrere a facili scappatoie legate a possibili impedimenti che, nella vigenza di disposizioni limitative degli spostamenti tra Regioni e divieti di incontro personale con detenuti e con le disposizioni sull'isolamento fiduciario, sarebbero stati facilmente invocabili e avrebbero allontanato temporalmente il processo dai fatti". La Procura di Piacenza "ha svolto un lavoro encomiabile non solo in fase investigativa ma condensando decine di interrogatori e la predisposizione di una corposa richiesta di giudizio immediato che ha rivisitato con grande professionalità e onestà intellettuale l'impianto primigenio, tutto in termini sincopati, consentendo la celebrazione rapida del processo", conclude il giudice.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli