Piacenza, polizia trova un covo satanista: perquisito un uomo

Red/Nav

Roma, 30 ago. (askanews) - Scoperto a Piacenza un covo di satanisti. La Polizia di Stato ha rinvenuto, in un appartamento, un piccolo tavolino, adibito come altare pagano e sopra di esso erano presenti statue ritraenti idoli in forma umanoide - caprina, simboli e rune verosimilmente di tipo celtico/druidico, un coltello da cucina, nonchè un teschio scarnificato, insieme ad altri simboli quasi certamente "riconducibili a culti esoterici, pagani e/o satanisti".

Tutta l'evidenza ha portato a confermare la pratica dell'occultismo nonché altri culti di tipo pagano/satanista sui quali sono in corso mirati accertamenti da parte dei poliziotti della Squadra Mobile - Sezione Criminalità Organizzata e Straniera - Squadra anti sette (S.A.S.) coordinati dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato.

Il presunto teschio umano è stato quindi sottoposto a sequestro penale, mentre due cittadini sono stati condotti in Questura, al fine di poter operare ulteriori accertamenti, al termine dei quali entrambi, allo stato attuale, sono stati deferiti alla locale autorità giudiziaria per il reato di ricettazione in concorso, due italiani: un uomo ed una donna.

Su coordinamento della Procura della Repubblica - si spiega - si sta procedendo alla verifica degli indizi acquisiti, delle risultanze degli accertamenti info - investigativi posti in essere dai poliziotti della Squadra anti sette che allo stato attuale hanno permesso di delineare contatti con persone residenti in altra provincia limitrofa, ove si è proceduto a perquisizione personale, locale ed informatica a carico di un cittadino italiano ritenuto anch'esso responsabile del reato di ricettazione in concorso.

L'atto ha dato esito positivo portando al rinvenimento di materiale tuttora in fase di valutazione da parte di personale specializzato della Sezione Criminalità Organizzata e Straniera - S.A.S.. (Segue)