Piacenza, sette sataniche: sequestrato altare domestico. 3 denunciati

piacenza sette

Sono tre le persone denunciate nella città di Piacenza: una donna di 42 anni e due uomini rispettivamente di 39 anni e 60 anni. L’accusa è quella di ricettazione. La polizia della città dell’Emilia Romagna ha sequestrato un altarino domestico in un appartamento della periferia cittadina. Sull’altare è stato rinvenuto un teschio umano, simboli ed idoli pagani. La donna di 42 anni denunciata potrebbe ricoprire il ruolo di una sacerdotessa, mentre l’uomo di 60 anni è stato spesso avvistato nei cimiteri.

LEGGI ANCHE: Satana e sette, l'allarme dell'esorcista

Piacenza, sette sataniche: blitz della polizia

Sette sataniche nella città di Piacenza: è quanto scoperto dopo un blitz condotto dalle autorità che, in un appartamento collocato in periferia, hanno sequestrato un piccolo altare domestico con alcuni simboli pagani e con un teschio umano. E’ stata aperta un’ indagine dalla Questura: si pensa inoltre che la vicenda potrebbe coinvolgere anche dei seguaci raccolti online, senza poi escludere l’utilizzo di droghe ipnotiche per l’assoggettamento di persone.

LEGGI ANCHE: Castiglioncello, il villaggio fantasma tra storia e misteri

E’ insomma inquietante la vicenda che vede protagonista la città di Piacenza: in un appartamento, la polizia ha scoperto e prontamente sequestrato un altare domestico. Si pensa a una setta satanica: sull’altare alcuni idoli pagani e un teschio umano. Tre le persone al momento coinvolte e denunciate: una donna 40enne che potrebbe essere una sacerdotessa e due uomini di 39 anni e 60 anni -quest’ultimo originario emiliano. Si indaga intanto per fare più luce sulla questione: è stata immediatamente aperta un’indagine dalla Procura. I tre sono stati accusati di ricettazione.