Piano rifiuti Lazio: per gli impianti 6 milioni nel 2019

Bet

Roma, 2 ago. (askanews) - La Regione Lazio, con il nuovo Piano rifiuti regionale 2019-2025 approvato oggi dalla giunta regionale punta al riequilibrio territoriale degli impianti e all'autosufficienza del Lazio nella chiusura del ciclo dei rifiuti. Sono previsti cinque ambiti territoriali ottimali, uno per ogni provincia. Per garantire però un concreto e doveroso equilibrio impiantistico è necessario definire un sub-ambito di Roma Capitale, nel quale prevedere l'autosufficienza impiantistica per il trattamento e lo smaltimento. La città di Roma registra una raccolta differenziata al 44,5%, per la prima volta inferiore alla media della raccolta differenziata del Lazio, che ha raggiunto il 45,5%, mentre produce il 60% dei rifiuti dell'intero territorio regionale e smaltisce il 100% di quelli indifferenziati, trattati in impianti fuori dai confini comunali. Un peso gravato finora sulle altre comunità del Lazio, che hanno fornito un prezioso supporto al sistema di trattamento e smaltimento dei rifiuti della Capitale. Per contribuire a colmare il gap impiantistico - ha spiegato l'assessore regionale del Lazio ai rifiuti, Massimiliano Valeriani, la Regione nel 2019 stanzierà circa 6 milioni di euro, che verranno messi a disposizione di Comuni e aziende pubbliche del settore, attraverso un bando pubblico, per la realizzazione di impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti.