Piano Scuola 2020-21, Bonaccini: ruolo determinante delle Regioni -3-

Cro-Mpd

Roma, 26 giu. (askanews) - Inoltre "tutti gli interventi straordinari che si rendessero necessari per criticit emerse in vista dell'avvio dell'anno scolastico, e che non siano gi previsti, dovranno trovare copertura finanziaria con risorse dello Stato. Per quanto riguarda l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale per gli alunni e per gli insegnanti, abbiamo chiesto - ha spiegato Grieco - che il Comitato Tecnico Scientifico si pronunci almeno 2 settimane prima dell'inizio delle scuole (in relazione alla situazione epidemiologica) circa la obbligatoriet delle mascherine all'interno dell'aula e/o negli spostamenti e nella permanenza nei locali comuni. Abbiamo poi chiesto di sostenere le autonomie scolastiche, tenuto conto delle diverse condizioni e criticit di ciascuna, nella costruzione delle collaborazioni con i diversi attori territoriali che possono concorrere all'arricchimento dell'offerta educativa. Bisogna poi rafforzare l'alleanza scuola-famiglia attraverso un aggiornamento del "Patto Educativo di Corresponsabilit" che potr essere ricalibrato in una forma maggiormente rispondente alle esigenze dell'emergenza". Rispetto poi ai servizi educativi per la prima infanzia, occorre tener presente la necessit del contatto fisico che contraddistingue la relazione dei bambini col gruppo dei pari e degli adulti di riferimento. Per questo occorre pensare a modalit organizzative che tengano conto dell'impossibilit di effettuare il distanziamento fisico se non tra il gruppo di adulti, prevedendo protocolli di funzionamento dei servizi per l'accesso quotidiano, le modalit di accompagnamento e di ritiro dei bambini, e per l'igienizzazione degli ambienti, delle superfici, dei materiali. Abbiamo infine richiamato l'attenzione - ha concluso Grieco - sulla refezione scolastica, puntando sull'esigenza di modalit che garantiscano la qualit del servizio e tengano conto anche della salvaguardia dei posti di lavoro".