Piano Ue, Michel: nuovo inizio per l'Ue, ora tocca ai parlamenti

Sim
·1 minuto per la lettura

Roma, 25 lug. (askanews) - L'accordo sul Recovery Fund, "con un meccanismo di obbligazioni collettive", rappresenta "una evoluzione copernicana del progetto europeo" e ora spetta ai capi di Stato e di governo spiegare l'intesa a parlamenti e cittadini e convincerli "che giusto e necessario andare avanti": quanto ha detto il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, in un'intervista rilasciata a Repubblica sul piano di rilancio dell'economia da 750 miliardi. "La crisi del Covid iniziata a febbraio, passo dopo passo abbiamo costruito il Recovery che qualcosa di completamente diverso da quanto fatto prima dall'Unione", ha rimarcato Michel. E con gli eurobond "ci troviamo di fronte a una evoluzione copernicana del progetto europeo con un meccanismo di obbligazioni collettive, la scelta pi significativa degli ultimi anni: ora dobbiamo essere pronti a prendere decisioni sulle risorse proprie per riuscire a ripagare i 390 miliardi di trasferimenti a fondo perduto dal 2026. Penso a Digital Tax, Plastic Tax, Carbon Tax ed Ets (certificati per inquinare, ndr). " nostra responsabilit come autorit europee e leader nazionali - ha aggiunto - spiegare che andare avanti giusto e necessario. Dobbiamo convincere i parlamenti che bene per tutti. Non sono spaventato perch i populisti non li sconfiggi chinando la testa, ma affrontandoli con un dibattito politico approfondito".