Piazza Fontana, "Repubblica è stata più forte"

Mattarella

Sergio Mattarella è intervenuto nel corso del consiglio comunale straordinario organizzato in occasione dei 50 anni dall'attentato alla Banca Nazionale dell'Agricoltura.

"Cinquant'anni dopo piazza Fontana sentiamo insieme ai familiari il dolore profondo per una ferita non rimarginabile", ha detto il presidente della Repubblica sottolineando che "i tentativi sanguinari di sottrarre al popolo la sua sovranità sono falliti. La Repubblica è stata più forte degli attacchi contro il popolo italiano".

"Di fronte alla follia omicida - ha sottolineato il Capo dello Stato nell'aula consiliare di Milano - i cittadini compresero che il loro contributo protagonista alla salvaguardia dell'ordine democratico era prezioso; e reagirono in modo fermo e unitario. Il patto collettivo di cittadinanza permise di difendere la Repubblica".

Mattarella ha incontrato a Palazzo Marino i familiari delle 17 vittime dell'eccidio oltre alle vedove dell'anarchico Pinelli, Licia, e del commissario Luigi Calabresi.

Per Licia Rognini, vedova di Pinelli: "quello di quest'anno è un passaggio importante, è una svolta. Ogni parola del presidente sarà un incentivo ad andare avanti per la democrazia. Parlare di mio marito Pino in un certo modo è anche un tassello per la democrazia".

VIDEO - Piazza Fontana, una strage senza colpevoli

12 dicembre 1969: l’attentato che cambiò la storia d’italia

Cinquant'anni fa in mezzo alla sala principale della Banca dell’Agricoltura di piazza Fontana, nel centro di Milano esplose una bomba azionata da un gruppo neofascista che uccise 17 persone e ne ferì più di 80.

I sette processi che si sono celebrati (tre le inchieste) e che non hanno mai portato all'accertamento della responsabilità personale di esecutori, mandanti e depistatori.

Al termine dell'ultimo processo del 2005 la Cassazione ha affermato che la strage fu realizzata dalla cellula eversiva di Ordine Nuovo capitanata da Franco Freda e Giovanni Ventura, non più processabili in quanto assolti con sentenza definitiva nel 1987.

VIDEO - Piazza Fontana: il racconto di Fortunato, l'ultimo sopravvissuto

Sala: "Antisemitismo, razzismo e fascismo sono veleni da contrastare"

"Antisemitismo, razzismo e fascismo sono veleni da contrastare". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel suo intervento in Consiglio comunale, nella seduta straordinaria per i 50 anni dalla strage di piazza

Fontana. "La democrazia puo' essere divisa al momento del voto, ma deve essere unita nei valori di fondo sanciti nella Costituzione - ha concluso -. A Milano, come in Italia, non ci puo' essere spazio per chi pensa di schiacciare o offendere l'uomo. A questo serve il ricordo di piazza Fontana, strage di matrice fascista, a questo serve la memoria delle vittime".

VIDEO - Piazza Fontana: una targa e una quercia per Pinelli

Conte, "Pagine buie ci spronano a impegnarci"

"Non dimentichiamo le 17 vittime della strage di piazza Fontana. Sono passati 50 anni ma quelle immagini continuano ad addolorarci. Anche le pagine più buie fanno parte della nostra storia. Ci spronano a impegnarci, ogni giorno per consegnare ai nostri figli una storia più luminosa". Così il premier Giuseppe Conte su Fb nell'anniversario della strage.

VIDEO - La strage di piazza Fontana 50 anni fa: il primo atto della tensione permanente

Pisapia: "Non smetteremo di esigere verità e giustizia"

"Non smetteremo di esigere quella verità e quella giustizia che ad oggi non sono emerse nelle aule giudiziarie anche a causa delle deviazioni da parte di componenti dello Stato". Lo scrive Giuliano Pisapia, ex sindaco di Milano e europarlamentare eletto nelle file del Pd.

Casellati: "Da quel giorno il Paese conobbe il buio degli anni di piombo"

"Da quel giorno il Paese conobbe il buio degli anni di piombo, dell'eversione, dell'attacco sovversivo allo Stato di diritto. Nei 50 anni che ci separano da piazza Fontana il terrorismo stragista è stato sconfitto, grazie ad una unità di intenti che ha visto cittadini, corpi intermedi e istituzioni difendere a tutti i livelli la democrazia. Nei 50 anni che ci separano da piazza Fontana è mancata però la possibilità di accertare i fatti e le responsabilità".

LEGGI ANCHE: Strage di Piazza Fontana: perché Pertini non strinse la mano al Questore Guida?