Piemonte, assessore Cultura fa sopralluogo a Palazzo Callori

Prs

Torino, 29 lug. (askanews) - L'assessore alla Cultura, al Turismo e al Commercio della Regione Piemonte, Vittoria Poggio, si è recata questa mattina a Vignale Monferrato (Alessandria), per effettuare un sopralluogo a Palazzo Callori, oggetto di lavori di riqualificazione e ristrutturazione nell'ambito dei progetti finanziari dai Fondi Europei Por-Fesr 2014-2020, sull'Asse V "Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale in aree di attrazione di rilevanza strategica, per consolidare e promuovere processi di sviluppo" ed in particolare a valere sulla misura della "valorizzazione dei poli culturali della Regione Piemonte in ambito residenze reali e siti Unesco".

Ad accompagnarla Lino Pettazzi, parlamentare del territorio e membro della X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo e accolta dal Sindaco di Vignale Monferrato, Tina Corona.

"Nell'ambito delle attività programmate per i primi 90 giorni di mandato - ha dichiarato l'assessore Poggio -, credo rivestano un ruolo fondamentale le visite al patrimonio storico e architettonico della Regione, oggetto di interventi di ristrutturazione e riqualificazione, grazie anche a progetti finanziati dai Fondi Europei, in questo caso il POR_FESR".

"Ritengo infatti doveroso ed essenziale prendere visione direttamente di come stanno procedendo i lavori, di quali siano gli step prossimi e di quali progettualità si stiano portando avanti. Solo con questa conoscenza diretta, solo toccando con mano il territorio, parlando coi sindaci e con quanti lavorano per la valorizzazione della nostra meravigliosa terra, possiamo pensare ad una programmazione che al termine dei lavori previsti, miri effettivamente al rilancio del nostro patrimonio, conferendogli anche una strategica funzione attrattiva in ambito di incoming turistico", ha aggiunto l'assessore alla Cultura della Regione Piemonte.

"Palazzo Callori, poi, trovandosi a Vignale Monferrato, nel cuore delle terre dichiarate patrimonio Unesco, è un punto nevralgico a cui teniamo particolarmente, da valorizzare e promuovere in chiave turistica a livello internazionale: una vera e splendida porta sul Monferrato", ha concluso.