Piemonte, Confindustria: 805 imprese pronte come centri vaccini

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Torino, 1 apr. (askanews) - Sono 805 le imprese piemontesi che hanno dato la loro disponibilità a ospitare i centri vaccinali, per contribuire alla campagna vaccinale nazionale, rispondendo positivamente al sondaggio lanciato da Confindustria il 10 marzo scorso.

"Il Piemonte potrebbe divenire un hub sperimentale all'interno della campagna vaccinale nazionale per far accelerare le operazioni di vaccinazione e favorire, anche in questo modo, la nostra ripresa economica. Da alcune settimane stiamo già lavorando a un accordo con la Regione per entrare nella fase operativa non appena avremo le indicazioni dal Governo e poter così contribuire a voltare pagina, dopo questo anno drammatico", commenta Marco Gay, presidente di Confindustria Piemonte.

La capillarità della rete di aziende, che hanno risposto al sondaggio di Confindustria, può infatti consentire di integrare lo sforzo delle ASL sul territorio in tempi brevissimi: "In attesa delle dosi - aggiunge Gay - che auspichiamo arrivino quanto prima, le imprese piemontesi sono pronte a fare la loro parte in una fase così decisiva. Anche per questo motivo, una larga parte di esse ha deciso di concedere in uso i suoi spazi per oltre tre mesi".