Piemonte e Lombardia hanno un tasso di contagiosità superiore a 2

·2 minuto per la lettura
covid indice rt
covid indice rt

L’indice Rt del Coronavirus delle regioni italiane sta arrivando a livelli molto preoccupanti, tanto che la media nazionale rivela l’entrata del Paese nello scenario 4 dell’Iss, ovvero il più grave. La situazione in alcune regioni, tuttavia, è più drammatiche che nelle altre. Il nuovo dpcm del Premier Giuseppe Conte prenderà provvedimenti proprio in tal senso, instaurando delle chiusure mirate delle “zone rosse”.

Le regioni con l’indice Rt più alto

Il Premier Giuseppe Conte ha deciso che l’Italia sarà divisa in tre fasce in base all’indice Rt delle diverse regioni. La soglia sarà 1,5, il cui superamento segna una situazione preoccupante a livello dei contagi. Ben tredici regioni, secondo i dati dell’Iss, ad oggi superano tale soglia.

La regione in cui la situazione è più drammatica è il Piemonte, con un indice Rt di 2,13. Dietro c’è la Lombardia, che fin dall’inizio della pandemia è una delle regioni più colpite dalla diffusione del virus. L’indice Rt è attualmente di 2,09. In Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Molise, Puglia, Umbria, Val d’Aosta e le province autonome di Bolzano e Trento, invece, l’indice Rt si attesta tra 1,5 e 2,0. Non c’è, dunque, tra le regioni a rischio la Campania, seppure sia al limite (1,49), dove da settimane ormai il governatore Vincenzo De Luca ha emanato misure restrittive abbastanza dure.

Le tre fasce

SOPRA RT 2
Piemonte 2,16
Lombardia 2,09

SOPRA RT 1,5
Provincia di Bolzano 1,96
Valle d’Aosta 1,89
Molise 1,86
Umbria 1,67
Calabria 1,66
Emilia Romagna 1,66
Puglia 1,65
Liguria 1,54
Lazio 1,51
Provincia di Trento 1,5
Friuli Venezia Giulia 1,5

SOTTO RT 1,5
Campania 1,49
Marche 1,48
Veneto 1,46
Sicilia 1,42
Toscana 1,41
Abruzzo 1,4
Sardegna 1,12
Basilicata 1,04