Piemonte, fermato assassino di un commercialista 60enne

·1 minuto per la lettura
Commercialista ucciso a Torino, arrestato un venditore d’auto 42enne
Commercialista ucciso a Torino, arrestato un venditore d’auto 42enne

È stato arrestato nelle ultime ore dai Carabinieri di Torino il presunto assassino del commercialista e consulente finanziario Luciano Ollino, ucciso nella notte tra l’8 e il 9 giugno scorso e il cui cadavere è stato successivamente rinvenuto legato e imbavagliato lungo una strada sterrata al confine tra il comune di Moncalieri e il capoluogo piemontese. L’uomo fermato dalle forze dell’ordine sarebbe un pregiudicato di 42 anni, di professione venditore d’auto, che in passato aveva intrattenuto rapporti economici con la vittima.

Commercialista ucciso, fermato presunto assassino

Secondo le prime ricostruzioni effettuate dai Carabinieri, il movente dell’omicidio sarebbe da ricondurre ad alcuni dissidi di tipo economico emersi tra il 42enne e il commercialista in merito alla compravendita di un immobile. Il presunto assassino era inoltre stato coinquilino della vittima in un appartamento di un residence situato nel comune di Pecetto Torinese.

Al momento non è ancora chiara la dinamica tramite la quale il presunto assassino avrebbe aggredito e successivamente immobilizzato la vittima, ma è certo come quest’ultima sia stata legata e imbavagliata prima di essere uccisa a colpi di pistola all’interno della sua automobile, in seguito trovata parcheggiata in una piazzola di sosta con i resti del commercialista ancora sul sedile del passeggero. Nel frattempo il 42enne aveva cercato di crearsi un alibi per il giorno dell’omicidio programmando un viaggio nel Sud Italia. Attualmente l’uomo è accusato di porto e detenzione illegale di arma da fuoco e rapina aggravata.