In Piemonte il servizio emergenza 118 anche in videochat -3-

Red/Cro/Bla

Roma, 13 feb. (askanews) - Da oggi, quindi, la Centrale operativa avrà non solo "orecchie", ma anche "occhi" per formulare la prima ipotesi diagnostica di patologia e gravità del paziente per il quale è stato richiesto soccorso.

Nel sottolineare l'importanza di creare attraverso le nuove tecnologie un collegamento visivo tra la centrale e il luogo dell'intervento, l'assessore regionale alla Sanità del Piemonte ha richiamato anche l'attenzione sul valore aggiunto del Servizio 118, che agisce con lo spirito di una vera squadra di medici, infermieri, amministrativi e tecnici, ai quali offrono il loro fondamentale apporto oltre 29 mila volontari.