Piemonte, Pd e Luv: no a perdite tempo, se bilancio non è pronto

Prs

Torino, 6 feb. (askanews) - "Se il bilancio non c'è, non siamo disponibili a perdere tempo su fogli di brutta". E' l'avvertimento lanciato da Pd e Luv, dopo il confronto sul Bilancio di previsione della Regione Piemonte, in Commissione con l'assessore al Bilancio, Andrea Tronzano. Commissione definita dalle opposizioni "rovente" o "surreale", come ha detto Domenico Rossi, consigliere del Partito Democratico.

"Quotidianamente leggiamo sui giornali mirabolanti stanziamenti da parte della Giunta Cirio ma oggi, nella prima seduta di Commissione del bilancio, queste cifre non tornano e spesso non esistono", hanno puntualizzato i consiglieri di PD e LUV.

"La minoranza ha chiesto conto delle 'missioni e programmi' di bilancio, per verificare dove la maggioranza intenda prendere le risorse per sostenere la sua continua campagna elettorale, e soprattutto 'per che cosa', ma le domande sono cadute nel vuoto e l'Assessore ha perso la testa, urlando e spiegando ai consiglieri quali domande fossero ammesse e quali no", hanno riferito i cnsiglieri di opposizione.

Secondo Rossi, "non solo l'Assessore non risponde alle opposizioni, ma addirittura la richiesta di trasparenza e di dati precisi viene bollata come 'illegale' dalla maggioranza. "Sarebbe ridicolo se sul tema 'legalità' questa Regione non avesse problemi seri, visto l'arresto e il rinvio a giudizio dell'ex-assessore Rosso, che non era certo in Giunta con il centro-sinistra", ha attaccato Rossi.

Secondo il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi "dietro i continui rinvii rischiano di esserci brutte sorprese: non vorremmo, dopo il silenzio, all'ultimo momento essere sorpresi con pesanti tagli ai servizi ai cittadini. Se il bilancio non è pronto non ci facciano perdere tempo".

"Basta continuare la campagna elettorale sotto altre forme - ha detto Sergio Chiamparino -: è arrivato il momento di dire con chiarezza dove la maggioranza prenderà le risorse che continua ad annunciare sui giornali".

Raffaele Gallo (Pd) ha chiesto con urgenza una conferenza dei capigruppo, perché "abbiamo bisogno di capire in particolare dove sono le risorse annunciate per il piano competitività da 500 milioni".