Piemonte vuole 'Aspettando il Salone del Libro' in tutta Italia

Prs

Torino, 4 ott. (askanews) - Potrebbe essere replicata anche in altre città piemontesi e italiane la ricetta di "Aspettando il Salone del Libro", ciclo di incontri con scrittori internazionali che anticipa nel corso dell'anno la kermesse libraria di Torino. L'idea è nata nel corso dell'incontro fra il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e il presidente della Fondazione Circolo dei lettori Giulio Biino e il direttore del Salone Nicola Lagioia. Presenti anche l'assessore alla Cultura, Turismo e Commercio, Vittoria Poggio, e l'assessore alle Partecipate Fabrizio Ricca.

"È stato un incontro molto positivo che ci ha permesso di condividere già alcune idee per la prossima edizione - ha riferito Cirio -. In particolare il direttore Lagioia ci ha proposto di realizzare delle sinergie con altre città, per creare delle tappe di avvicinamento al Salone".

"Ci sembra un'ottima idea per far crescere la percezione di questo grande evento, non solo nelle province piemontesi che rappresentano un bacino di pubblico molto importante per il Salone, ma anche in altre città d'Italia. Parliamo di uno dei più grandi eventi internazionali ospitati dal nostro Paese, con una ricaduta turistica per il Piemonte strategica. Per cui siamo favorevoli a potenziare tutte le azioni che possano favorire la crescita dei suoi visitatori", ha evidenziato Cirio.

"Il Salone del Libro è un patrimonio del nostro territorio e c'è piena condivisione anche sull'importanza di valorizzarne la pluralità, senza pregiudizi ideologici. Un aspetto quest'ultimo che, ci tengo a sottolinearlo, vale anche sulla valutazione dei risultati. La riuscita di un evento si giudica solo a sipario calato. E io per l'edizione del 2020, la prima nel mio ruolo di presidente, non posso che augurarmi la migliore di sempre. Da parte mia e di tutta la squadra della Regione Piemonte ci sarà massimo supporto", ha concluso.