Piero Angela: "Al ristorante non mi hanno chiesto il Green pass, ho dovuto urlare per farlo verificare"

·1 minuto per la lettura
MILAN, ITALY - MAY 28:  Piero Angela attends 'Che Tempo Che Fa' tv show at Rai Milan Studios on May 28, 2017 in Milan, Italy.  (Photo by Pietro D'aprano/Getty Images) (Photo: Pietro D'Aprano via Getty Images)
MILAN, ITALY - MAY 28: Piero Angela attends 'Che Tempo Che Fa' tv show at Rai Milan Studios on May 28, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Pietro D'aprano/Getty Images) (Photo: Pietro D'Aprano via Getty Images)

“Il cameriere non mi ha controllato il Green pass. Ho provato a richiamarlo, ma niente. A quel punto credo di aver anche gridato. Ho preteso civilmente, e infine ottenuto, il controllo: non bisogna mai vergognarsi di chiedere il rispetto delle norme”. Piero Angela, giornalista e divulgatore racconta così, in un’intervista al Messaggero, l’episodio accaduto in un ristorante di Roma:

“I gestori devono tutelare la salute dei loro clienti. E se questo non avviene, sta a noi segnalarlo. Parlare di protezione nei luoghi pubblici è altamente inutile, se poi non si procede al controllo”. E sul green pass “capisco anche l’irritazione, può succedere e ho rispetto per chi lavora in un locale e deve gestire situazioni a volte anche complesse. Ma il controllore deve controllare, punto. Più che irritarsi, sarebbe il caso di rendersi conto che questi controlli vengono fatti nell’interesse dei clienti”.

Chi possiede un locale, inoltre, secondo Angela avrebbe una ragione in più - oltre alla tutela della salute dei propri clienti - per impegnarsi affinché il virus non si propaghi, specialmente ora:

“Se vaccinarsi è come allacciarsi la cintura di sicurezza, o attivare l’airbag in macchina, avere il Green pass è come fare l’assicurazione: è un foglio senza il quale non puoi circolare, perché se investi qualcuno e non sei assicurato sono guai. Bene: se nessuno si lamenta che il vigile controlli l’assicurazione, perché non dovrebbe essere lo stesso con il Green pass?”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli