Piero Chiambretti: "Litigai con Raffa. Mi chiamò dopo qualche giorno

·1 minuto per la lettura
Raffella Carrà e Piero Chiambretti (Photo: Raffella Carrà Chiambretti)
Raffella Carrà e Piero Chiambretti (Photo: Raffella Carrà Chiambretti)

Litigarono anche. Il destino di Piero Chiambretti e quello di Raffaella Carrà si incrociò diverse volte. Tutte memorabili. C’è il Sanremo che avrebbe dovuto condurre con lei, poi sfumato. “E un altro dove non ci dovevo essere e invece sono diventato suo compagno di avventura”, dice il conduttore al Corriere della Sera. E aggiunge: “La cosiddetta fabbrica delle star oggi cerca cose differenti. Lei era un’artista completa. È unica: di Raffaella Carrà ne resterà una sola (...). Ci ho anche litigato”.

Quando?

«Abbiamo presentato una serata dei palinsesti Rai, a Cannes. Ero giovane e un po’ esuberante e lì feci molte battute, uscii dal seminato. Ci fu un attimo di tensione ma una settimana dopo mi chiamò, dicendomi: “Ho capito perché ti sei comportato così: eri preoccupato”. Le ho detto che era vero anche se non era così».

Non era dunque una persona che portava rancore?

«No, no, mai. In trent’anni ci ho lavorato alcune volte e tutte sono state magiche. Il nostro fil rouge era Boncompagni, con cui avevamo in comune una certa ironia. Ma la particolarità di Raffaella era l’energia incredibile».

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli