Piero Di Lorenzo annuncia le dosi per il nostro Paese previste per inizio 2021

·1 minuto per la lettura
Vaccino Covid
Vaccino Covid

Il vaccino contro il Covid prodotto dalla Oxford-AstraZeneca-Irbm verrà consegnato a partire dai primi di gennaio. Per l’Italia dovrebbero essere previste all’inizio due milioni di dosi, con la consegna entro giugno 2021 di 70 milioni. Lo ha detto Piero Di Lorenzo, ad e presidente di Irbm, intervenendo al webinar ‘L’Unione europea alla sfida del Covid-19’: “Voglio mantenere un approccio prudente. Penso che si possa dire che intravediamo la meta. Io dico da qualche mese che prima di Natale noi avremo terminato la fase clinica 3, per il vaccino Oxford-AstraZeneca-Irbm. Quindi al netto del tempo delle agenzie regolatrici per esaminare con il massimo rigore il prodotto, io mi auguro che entro i primi di gennaio si possa cominciare a consegnare le prime dosi. Per l’Italia sono previste più di due milioni di dosi come prima consegna ed entro giugno 2021 saranno 70 milioni”.

Vaccino anti-Covid

Di Lorenzo ritiene inoltre che entro la metà del prossimo anno “saranno validati 6-7 vaccini. La cosa è altamente positiva”. Sul costo: “Per quanto ci riguarda il vaccino costerà 2,80 euro a dose fino a quando la pandemia sarà così forte. Il mercato sarà così sterminato che ci sarà per tutti”. Poi ha usato le stesse parole del Ministro della Salute Roberto Speranza: “Intravediamo il buchino bianco in fondo alla galleria”.

In Italia abbiamo già un piano di distribuzione. Nel documento inviato ai governatori di Regione, Domenico Arcuri ha scritto:Appare prioritario salvaguardare quei luoghi che nel corso della pandemia hanno rappresentato il principale canale di contagio e diffusione del virus”.