Pietro Genovese condannato a 5 anni e 4 mesi in appello per la morte di Gaia e Camilla

·1 minuto per la lettura
Pietro Genovese (Photo: Hp)
Pietro Genovese (Photo: Hp)

Cinque anni e quattro mesi di reclusione per omicidio stradale plurimo: è la pena, formalizzata oggi dalla corte d’assise di appello di Roma, che Pietro Genovese, figlio del regista Paolo, ha concordato con la procura generale della capitale, in relazione alla morte delle studentesse 16enni Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli, travolte la notte tra il 21 e il 22 dicembre 2019 in Corso Francia. In primo grado, lo scorso 19 dicembre, Genovese era stato condannato in abbreviato dal gup Gaspare Sturzo a 8 anni di carcere mentre il pm Roberto Felici aveva chiesto 5 anni.

Con il concordato, accolto dalla corte, la pena diventa definitiva. In primo grado, lo scorso 19 dicembre, il giovane era stato condannato con rito abbreviato dal gup Gaspare Sturzo a 8 anni mentre l’accusa con il pm Roberto Felici aveva chiesto per lui 5 anni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli