Pietro Taricone: a 10 anni dalla morte Kasia Smutniak lo ricorda così

(Fonte: instagram @lasmutniak)

Sono già passati dieci anni dalla morte di Pietro Taricone e Kasia Smutniak ha deciso di ricordarlo così: postando sul suo profilo Instagram la foto di due bambini di spalle e sullo sfondo le montagne del Nepal, nella regione del Mustang. Proprio qui infatti sorge una scuola frequentata da 56 bambini fondata grazie alla Pietro Taricone Onlus, creata da Kasia dopo la morte del compagno.

VIDEO - Kasia Smutniak, in Italia è diventata famosa grazie ad un celebre spot

“Siamo stati una volta sola in Mustang io e Pietro. Una volta sola. E tanto è bastato per innamorarsi di quel posto, della cultura, della gente…Non avrei mai pensato che esattamente 8 anni dopo sarei tornata, da sola con una figlia, per costruire una scuola! Tutto e cominciato da Pietro. Un giorno è tornato a casa con un’idea, una delle sue tante idee pazze, urlando ‘Andiamo in Nepal!’”, racconta Kasia di quell’avventura insieme.

E continua: “Non so per quale motivo, forse spinto dalla curiosità pura, forse dalla lettura di un libro o di qualche articolo, o forse semplicemente guardando National Geographic che ha sentito parlare dell’antico regno del Mustang e ha deciso di partire. Perché Pietro era così, puro istinto con la curiosità di un bambino, e la voglia matta di fare tutto subito. È riuscito persino a trovare una persona che ci era stata più volte in Mustang, ci aveva abitato, lavorato e ne parlava con grande entusiasmo. Ci è venuta la curiosità di conoscerlo anche per capire meglio di cosa parlasse e alla fine abbiamo deciso di andare a incontrarlo”.

VIDEO - Kasia, ‘Il mio regalo per i 40 anni? Un contributo per il Nepal’