Pil, Brunetta: Germania rallenta, ne risentiranno nostre industrie

Pol-Afe

Roma, 15 gen. (askanews) - "L'economia dell'Eurozona continua a dare segnali di debolezza. Come mostrato oggi dall'Eurostat, la produzione industriale dell'area euro è cresciuta solamente del +0,2% su base mensile a novembre, meno del +0,3% atteso dagli analisti, ed è calata del -1,5% su base annuale, più del -1,1% atteso. Sempre oggi, è stato pubblicato il dato sul Pil della Germania, che lo scorso anno è cresciuto soltanto del +0,6%, il livello più basso dal 2013. L'economia di Berlino si conferma quindi in difficoltà, anche perché le previsioni per il 2020 non sono molto migliori. Tutto questo dovrebbe avere effetti anche sul nostro Pil, che statisticamente cresce di circa l'1,0% in meno rispetto a quello tedesco. Ricordiamo che la Germania è la principale partner commerciale dell'Eurozona per l'Italia e che molte aziende di settori fondamentali come il manifatturiero e l'elettronica sono fornitrici delle grandi imprese tedesche". Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.