La Cina corre (+18,3%), ma c'è un po' di sabbia negli ingranaggi

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·2 minuto per la lettura
(Photo: Barcroft Media via Getty Images)
(Photo: Barcroft Media via Getty Images)

Un dato largamente atteso, che non ha superato né deluso le aspettative della vigilia. Numeri che se da un lato dimostrano la forza dell’economia cinese, dall’altro ne confermano alcuni punti deboli. Nel primo trimestre del 2021 – secondo i dati diffusi oggi dall’Ufficio nazionale di statistica – il Prodotto interno lordo della Cina è volato del 18,3% su base annua: un balzo record, che però va rapportato al tonfo storico del primo trimestre dello scorso anno (-6,8%). L’economia cinese, del resto, aveva già ricominciato a correre lo scorso anno, arrivando a chiudere l’ultimo trimestre del 2020 con un aumento del Pil del 6,5%. Ecco, su base trimestrale il Pil ha riportato nei primi tre mesi del 2021 una espansione dello 0,6%, meno del +1,4% stimato alla viglilia.

La seconda economia più grande al mondo, l’unica tra le maggiori ad avere avuto lo scorso anno un Pil positivo (+2,3%), ha beneficiato nei primi mesi del 2021 soprattutto di un boom delle esportazioni, che hanno compiuto un balzo del 49% nei primi tre mesi dell’anno, a 710 miliardi di dollari, mentre le importazioni sono aumentate del 28 per cento, a 593,6 miliardi di dollari.

“L’economia nazionale ha avuto un buon inizio”, ha affermato il portavoce dell’Ufficio nazionale di statistica Liu Aihua, ammettendo che il picco della crescita è stato in parte dovuto a “fattori incomparabili”, come la bassa cifra di base dello scorso anno e l’aumento dei “giorni lavorativi a causa della permanenza [nella località di lavoro] delle persone durante le vacanze del Capodanno lunare”. I lavoratori migranti, infatti, erano stati esortati a rimanere nelle aree di lavoro durante la pausa per timore che la massiccia migrazione potesse portare a epidemie locali. Liu ha aggiunto che la crescita su base trimestrale ha “dimostrato una ripresa costante”.

In tutti i ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.