Pil: lunedi' taglio stime -1,3/-1,5%, confermato pareggio 2013

Roma, 12 apr. (Adnkronos) - Il pil dell'Italia nel 2012 registrera' una contrazione tra l'1,3% e l'1,5%. La stima sara' contenuta nel Def che dovrebbe arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri lunedi' e non domani, come inizialmente previsto. Il governo si prende il tempo per valutare ancora dove fissare la stima all'interno della forchetta, considerando anche il dato Istat di domani sulla produzione industriale. Le ultime previsioni del Tesoro fissavano la caduta del prodotto interno lordo allo 0,4% per quest'anno, ma la Commissione europea ha gia' alzato l'asticella di quasi un punto, arrivando a -1,3%, mentre la Banca d'Italia e' arrivata a -1,5%.

Le nuove stime del Governo, secondo quanto si apprende, dovrebbero dunque rientrare proprio all'interno nella forbice indicata dall'Ue e da palazzo Koch. Nel documento di economia e finanza, inoltre, sara' confermato il pareggio di bilancio entro il prossimo anno, che sara' raggiunto senza manovre correttive.

Un obbiettivo raggiungibile, come gia' spiegato dal presidente del consiglio, Mario Monti, perche' i conti sono stati messi in sicurezza quando lo spread tra btp e bund si aggirava intorno ai 500 punti. Inoltre, a garantire che il risultato sara' centrato, ci sono i soldi che arriveranno dalla lotta all'evasione e che il governo ha deciso di escludere dalla voce delle entrate.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno