Pil: Ocse, stima globale +5,8% in 2021, c'è ripresa ma rischi

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 mag. (Adnkronos) – Continua la ripresa a livello globale sfiorando il 6% (5,8%) quest'anno ma restano disomogeneità nel rimbalzo atteso dopo la pandemia. Lo rileva il capo economista Ocse Laurence Boone nell'editoriale del nuovo Outlook.

"È con un certo sollievo che possiamo vedere una schiarita nelle prospettive economiche, ma con un certo disagio notiamo che questo accade in modo molto irregolare. Tra le nuove epidemie del virus, meno frequenti ma più diffuse in tutto il mondo, la crescita globale continua a riprendersi – afferma – prevediamo che la produzione globale aumenti di quasi il 6% quest'anno, un'impennata impressionante dopo la contrazione del 3½% nel 2020". Il pil mondiale è stimato in crescita del 4,4 nel 2022.

"Mentre la ripresa porterà la maggior parte del mondo ai livelli di pil pre-pandemia entro la fine del 2022, questo è lungi dall'essere sufficiente", sottolinea il capoeconomista Ocse. "L'economia globale rimane al di sotto del suo percorso di crescita pre-pandemico e in troppi paesi dell'Ocse gli standard di vita entro la fine del 2022 non sarà tornato al livello previsto prima della pandemia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli