**Pil: Upb, senza danni nuova ondata possibile chiudere 2021 a +6,3%**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 nov. – (Adnkronos) – "Secondo le stime effettuate con i modelli di breve termine dell’UPB nel quarto trimestre dell’anno in corso, nell’ipotesi di assenza di nuove restrizioni per l’emergenza sanitaria, il PIL si espanderebbe in termini congiunturali poco al di sotto di un punto percentuale. Considerando una crescita dello 0,7 per cento la variazione del PIL nel complesso del 2021 sarebbe del 6,3 per cento e si renderebbe possibile il rientro sui livelli di attività precedenti al COVID-19 già dal prossimo inverno". Lo ha affermato il presidente dell'Ufficio Parlamentare di Bilancio, Giuseppe Pisauro, in audizione sulla manovra, precisando che "se anche negli ultimi tre mesi dell’anno la crescita economica fosse nulla la variazione del PIL nel 2021 sarebbe comunque del 6,1 per cento, quindi appena superiore all’obiettivo del Governo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli